Img 8854

Ecosistemi e marketplace: quali sono i vantaggi per istituti e clienti?

Condividi con
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
OCBC, DBS e ICBC: dal sud-est asiatico e dalla Cina, alcuni esempi di istituti finanziari che, sulla scia dei GAAFA, hanno costruito ecosistemi in grado di garantire nuove opportunità di revenues e soddisfare nuove esigenze per i clienti.

Contrastare l’ascesa dei GAAFA nel settore finanziario e aprire nuove opportunità di revenues soddisfando le sempre più crescenti esigenze della clientela.

Con questo obiettivo, OCBC a gennaio 2018 ha lanciato OneAdvisor, un marketplace digitale volto ad assistere i clienti nella realizzazione dei propri progetti immobiliari (affitto e acquisto). I risultati non sono tardati ad arrivare: nei primi 9 mesi la piattaforma ha consentito alla banca di erogare mutui e prestiti per circa 200 mio/USD.

Ma non è l’unico: dal sud-est asiatico e dalla Cina arrivano altri esempi di istituti che hanno saputo abbracciare nuovi modelli di business.

Su tutti: DBS, che a partire dal 2017 ha sviluppato un unico portale che raccoglie 5 life moment marketplace verticali (Immobiliare, Automobili, Vacanze, Educazione, Utilities) con significativi ritorni sin dal primo anno (il marketplace immobiliare ha consentito di erogare prestiti per circa 250 mio/USD) e ICBC– Industrial and Commercial Bank of China.
L’istituto cinese nel 2015 ha lanciato “Rong E Gou” un e-commerce con l’obiettivo ambizioso di fare concorrenza ad Alibaba. In termini di revenues, nel 2016 ICBC ha venduto beni per ca. 184 bln/USD.

La risposta all’adozione di questi nuovi modelli di business è da ricercarsi nell’avanzata da parte dei cosiddetti GAAFA (Google, Alibaba, Amazon, Facebook, Apple).

Quest’ultimi player, di fatto non bancari, nell’ultimo decennio hanno arricchito l’arena dei servizi finanziari e assicurativi allargando progressivamente la propria offerta cambiando le regole di questi mercati, intercettando fin da subito i bisogni dei clienti e soprattutto il valore dei loro dati.

Le banche più evolute hanno sviluppato ecosistemi e marketplace orchestrando un network di partner commerciali, per cogliere l’opportunità di soddisfare bisogni non finanziari dei propri clienti come veicolo indiretto per la vendita, in bundle, dei propri servizi finanziari.

La proposta di prodotti e servizi avviene per soddisfare i bisogni dei clienti che possono manifestarsi nella vita di tutti i giorni (every day life) e nei momenti importanti della vita (c.d. life moments).

I vantaggi di un ecosistema per cliente e banca sono subito percepibili:

  • il primo ha la possibilità di rivolgersi ad un unico interlocutore per tutti i bisogni di cui ha bisogno,
  • l’istituto invece ha la possibilità di reggere la sfida contro i player non bancari.

Ed è qui che entra in gioco un partner ideale che metta in contatto gli istituti finanziari e i clienti: Supernovae Labs.

Supernovae Labs è il primo acceleratore in Italia per startup fintech dedicate alle banche e alle istituzioni finanziarie, e in tre anni di vita è diventato un ecosistema ricco, con un portafoglio di oltre 110 soluzioni fintech.

Attraverso i nostri consulenti con un elevato expertise bancario e assicurativo e, grazie al nostro ecosistema di partner fintech, insurtech e newtech, supportiamo le istituzioni finanziarie e le aziende innovative, fornendo loro una consulenza strategica e di business personalizzata, con un approccio personalizzato e una remunerazione commisurata al successo delle iniziative seguite.

Ti piacerebbe saperne di più?
Qui potrai ottenere maggiori informazioni:

Ecosistemi e marketplace bancari

Riccardo Pasotti

© 2020 – Supernovae Labs S.r.l. All rights reserved.

Sede Legale
V.le Andrea Doria, 48/A. 20124, Milano (Italy)
Sede Operativa
Via Giovanni Durando, 38. 20158, Milano (Italy)
info@supernovaelabs.com

Privacy     |    Cookie Policy   |    VAT Number IT09478370969   |   REA MI 2092792